Clicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleriaClicca per galleria

Panarea

è l’isola più piccola e meno elevata delle Eolie (Timpone del Corvo la maggiore elevazione, raggiunge i 421 metri). Con Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca nera, i Panarelli e le Formiche forma un piccolo arcipelago posto a metà circa fra Lipari e Stromboli. La macchia mediterranea di Panarea e’ generosa di fichi d’India, agavi, ginestre, capperi e numerose piante di olivi secolari. Le acque cristalline hanno infinite tonalità di colore.

Il luogo più suggestivo dell’isola è l’esclusiva baia di Cala Junco, estrema punta meridionale di Panarea, pittoresca spiaggia racchiusa fra pareti formatesi da lava incandescente; in alto il villaggio preistorico.

L’abitato si concentra in tre contrade: San Pietro, Ditella e Drautto. La via principale che attraversa l’isola dal nord al sud, non percorribile da auto, serpeggia fra le case offrendo splendidi scorci panoramici fra cui gli scogli antistanti e Stromboli. L’isola è preservata dai campeggi.
Attraverso sentieri e mulattiere, segnati da cespugli di lentisco, capperi e mirto, si raggiunge Timpone del Corvo dalla cui cima si gode un panorama ineguagliabile su tutto l’arcipelago eoliano.

Si possono noleggiare direttamente dai pescatori dell'isola, piccole imbarcazioni a motore per esplorare la stupenda baia di Calajunco e gli isolotti del piccolo arcipelago.

Una piccola spiaggia di sabbia, è raggiungibile a piedi (20min. di cammino dal porto) o usufruendo dei servizi Ape-taxi elettrici.